Cos’è il LARP?

Con questo acronimo (LARP, “Live Action Role-Playing”) ci si riferisce ad una categoria di gioco in cui ogni partecipante crea un proprio personaggio e, interpretandolo, interagisce con gli altri giocatori e con l’ambiente circostante al fine di completare missioni (“quest”), affrontare sfide (“challenge”) o semplicemente di vivere un’avventura che permetta al personaggio interpretato di crescere in abilità e consapevolezza, vedendo così approfondito ed impreziosito il suo carattere ed il suo vissuto (“role”).

Le ambientazioni LARP possono essere di una varietà infinita, come potenzialmente infinita è la fantasia di chi le crea. L’interazione con tali ambientazioni avviene mediante una partecipazione sia mentale che fisica al gioco: le scelte e le azioni dei PG (“personaggi giocanti”), così come i costumi, le armi ed i props che essi stessi sfoggiano, sono strettamente ricollegate alla dimensione del personaggio interpretato che, per le ore dedicate al gioco, acquisisce quasi una connotazione autonoma sua propria, diversa da quella abitualmente vissuta dal giocatore nella sua quotidianità. Tale condizione, detta “sospensione dell’incredulità”, rappresenta il principale obiettivo che ogni LARP si propone e ciò rende lo stesso LARP qualcosa di più complesso del solo sfilare in abiti bizzarri o del riprodurre con dovizia di particolari e rigore storico un evento realmente verificatosi. Fare LARP significa creare una storia e operare congiuntamente per dare alla stessa la maggiore profondità possibile.

Per SOLIPTICA a.s.d., che naturalmente è una associazione senza scopo di lucro, il LARP è una esperienza di gioco, ma sopratutto di collaborazione e comunità: nessun evento potrebbe mai aver luogo senza la partecipazione dei soci alla creazione del setting, al montaggio e allo smontaggio delle scenografie, alla promozione dell’attività sociale e ad ogni altro apporto fornito dai soci.

Il LARP, così, oltre che un’occasione di gioco e di manifestazione della propria creatività, diventa anche un’occasione per sviluppare spirito di gruppo e team building. Esso, come viene sempre sottolineato, non offre realtà alternative (proporlo ai soci come una “vita alternativa” è una degenerazione che SOLIPTICA a.s.d. non ammette in alcuna misura), bensì finzioni ludiche quanto più credibili possibile: si tratta, in sintesi, di un’opportunità di svago sana, produttiva e consapevole, da vivere in una dimensione collettiva giocosa ed ilare.